mercoledì 24 settembre 2014

CIRCOLARE DEL MINISTERO: INCENTIVI PER AMMODERNARE I MEZZI


CIRCOLARE DEL MINISTERO
INCENTIVI PER AMMODERNARE I MEZZI
Le risorse a disposizione sono limitate
E’ operativa la decisione del ministero di finanziare il rinnovo del parco automezzi ecosostenibili. Le risorse sono limitate, in quanto sono solo 15 i milioni destinati all'ammodernamento del parco mezzi per l'autotrasporto in chiave maggiormente eco-compatibile e verso forme più evolute di logistica applicata al trasporto e alla movimentazione delle merci. Sono incentivate le acquisizioni di veicoli per il trasporto merci dotati di motore a trazione alternativa, nonché semirimorchi destinati al trasporto intermodale (combinato strada-mare e strada-ferrovia ). Sono previste ulteriori agevolazioni ove il veicolo risulti dotato di pneumatici di classe C3 con coefficiente di resistenza al rotolamento inferiore a 8,0 kg/g (classe di efficienza energetica da A ad E di rolling resistance), dotati di Tyre Pressure Monitoring System (TPMS), o nel caso che il richiedente del benificio dimostri di aver proceduto alla contestuale radiazione di un rimorchio o semirimorchio con più di 10 anni di età.


lunedì 22 settembre 2014

MICROCREDITO - CONDIZIONE SOGGETTIVA: ESSERE NON BANCABILE


MICROCREDITO - CONDIZIONE SOGGETTIVA
CHE SIGNIFICA ESSERE NON BANCABILE
Per accedere al bando del Microcredito è necessario essere un soggetto non bancabile, il cui significato è visibile tra le risposte date dalla Sfirs.
“Il Microcredito ha come obiettivo sostenere soggetti per condizioni soggettive e oggettive si trovino in condizione di difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito e che vogliano avviare una nuova iniziativa imprenditoriale in Sardegna o realizzare un nuovo investimento nell’ambito di iniziative esistenti ubicate all’interno di unità locali presenti nel territorio regionale. L’art.1 delle Direttive di Attuazione precisa che “soggetti con difficoltà di accesso al credito e in condizioni di svantaggio” si definiscono i “soggetti non bancabili” ovvero considerati non idonei a fruire di servizi e/o prodotti finanziari del settore finanziario tradizionale poiché non soddisfano il requisito di “bancabilità” - ossia di capacità di rimborso - derivante dall’esame della storia creditizia ed altre variabili come, ad esempio:
• l’ammontare del reddito percepito;
• la possibilità di offrire garanzie formali;
• esposizione nei confronti del sistema bancario e creditizio in genere
• qualsiasi altra informazione disponibile in merito alla capacità di restituzione del prestito

giovedì 18 settembre 2014

FINANZIAMENTI A TASSO ZERO CON IL MICROCREDITO


FINANZIAMENTI A TASSO ZERO 
OPERATIVO IL BANDO PER IL MICROCREDITO

E’ possibile, dal 15 settembre, presentare i PROGETTI per richiedere il finanziamenti a valere sul fondo del Microcredito, che prevede la concessione di incentivi rimborsabili (microcredito per un massimo di 25.000€) finalizzato a sostenere l'avvio di nuove attività imprenditoriali, ovvero la realizzazione di nuovi investimenti nell'ambito di iniziative già esistenti, da parte di tutti quei soggetti che, per condizioni soggettive e oggettive, si trovino in condizioni di difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito. Il Fondo Microcredito FSE, in linea con gli scopi istituzionali del Fondo Sociale Europeo, fornisce il proprio sostegno finalizzato al contrasto della disoccupazione e all'integrazione sociale nel mercato del lavoro attraverso il finanziamento di iniziative imprenditoriali promosse da parte di categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito e in condizioni di svantaggio. Sono ammessi tutti i settori di attività economica ad eccezione dei settori esclusi dai Regolamenti Comunitari vigenti. Sono considerate prioritarie le proposte che rientrano nelle seguenti categorie di attività: servizi al turismo, servizi sociali alla persona, tutela dell’ambiente, ICT, risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi culturali e ricreativi, manifatturiero, commercio di prossimità, artigianato e servizi alle imprese. Il prestito, per un importo variabile da un minimo di 5.000,00 ad un massimo di 25.000,00, viene concesso con un tasso di interesse nullo e una rateizzazione a cadenza mensile con decorrenza a sei mesi dalla stipula del contratto (18 mesi per le imprese costituende alla data di presentazione della domanda). 
L’associazione, in collaborazione con il Confidi Cofins, ha attivato uno sportello si assistenza per la predisposizione del progetto. Per maggiori informazioni telefona 079262558 o al 3299544863.


lunedì 25 agosto 2014

PRESTITO SENZA INTERESSI SINO A 25 MILA EURO DAL 15 SETTEMBRE LE DOMANDE PER IL MICROCREDITO


PRESTITO SENZA INTERESSI SINO A 25 MILA EURO
DAL 15 SETTEMBRE LE DOMANDE PER IL MICROCREDITO
Dal 15 settembre nuovamente operativo il bando del MICROCREDITO, rivolto a coloro che vogliono avviare una nuova iniziativa imprenditoriale in Sardegna o realizzare un nuovo investimento nell'ambito di iniziative esistenti e si trovano in condizioni di difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito.
Il Fondo microcredito FSE prevede la concessione di un mutuo fino a 25mila euro a tasso zero, rimborsabile in 60 mesi. L'intervento, gestito dalla Sfirs SpA, non comporta la richiesta di garanzie, fatta eccezione per le società a responsabilità limitata e le cooperative a responsabilità limitata. Possono richiedere l’agevolazione:
  • soggetti a rischio di esclusione sociale (lavoratori con età superiore ai 50 anni, giovani disoccupati o inoccupati, cassa integrati);
  • soggetti che non usufruiscono di sovvenzioni pubbliche o indennità di disoccupazione e/o mobilità e si trovano in condizioni di disoccupazione o inoccupazione;
  • donne;
  • soggetti svantaggiati (es. soggetti diversamente abili, migranti, ex detenuti, ex tossicodipendenti…);
  • famiglie monoparentali;
  • coloro che non possiedono un diploma di scuola media superiore o professionale;
  • nuovi imprenditori (inclusi i titolari di impresa da non più di 36 mesi).
  • Per le società, i requisiti soggettivi devono essere posseduti da uno o più soci che nel complesso detengono il 51% delle quote sociali e uno o più di questi stessi soci devono essere amministratori della Società.
Le proposte possono essere presentate, inoltre, da:
  • microimprese costituende o già costituite - con forma giuridica di ditta individuale, società di persone,
  • società a responsabilità limitata;
  • cooperative (di tipo A e B) in fase di costituzione o già costituite;
  • piccole imprese da costituire;
  • organismi no profit e operatori del privato sociale con posizioni nuove o non consolidate sul mercato che operano nei settore dei servizi sociali alla persona.
Sono considerate prioritarie le proposte che rientrano nelle seguenti categorie di attività: turismo, servizi sociali alla persona, tutela dell'ambiente, ICT, risparmio energetico ed energie rinnovabili, servizi culturali e ricreativi, servizi alle imprese, manifatturiero, commercio di prossimità, artigianato.
Le domande di accesso al Fondo potranno essere presentate telematicamente dal prossimo 15 settembre.

Per maggiori informazioni e assistenza: Associazione Libera Impresa tel. 079262558

venerdì 7 marzo 2014

FINANZIAMENTI SABATINI BIS, CIRCOLARE DEL MINISTERO

Il Ministero dello sviluppo economico ha emanato la circolare n. 4567/2014, che fissa i termini e le modalità di accesso alla cd “Sabatini-bis” nonché ulteriori precisazioni in merito agli investimenti agevolabili. In particolare, a partire dalle ore 9.00 del 31/03/2014 le imprese potranno presentare le domande per la richiesta dei finanziamenti e dei contributi alle banche e agli intermediari finanziari aderenti alla convenzione tra Mise, Cassa Depositi e Prestiti e ABI. La domanda di agevolazione ed i relativi allegati vanno compilati utilizzando esclusivamente, pena l’invalidità, i moduli disponibili entro il 10/03/2014 nella sezione “beni strumentali (nuova sabatini)” del sito internet del Mise. Lo strumento è rivolto alle PMI operanti in tutti i settori produttivi (inclusi agricoltura e pesca) che realizzano investimenti (anche mediante leasing) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché investimenti in hardware, software e tecnologie digitali.

mercoledì 12 febbraio 2014

AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE, DAL 31 MARZO OPERATIVA LA SABATINI BIS


AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE
DAL 31 MARZO OPERATIVA LA SABATINI BIS
Per la Sabatini bis sono pronti 2,5 mld di euro e le domande per l'accesso agli incentivi, varati dallo Sviluppo economico e garantiti da Cassa depositi e prestiti, si potranno presentare dal 31 marzo 2014, a partire dalle ore 9.00.
Sarà possibile presentare le domande di agevolazione alle banche o agli intermediari finanziari aderenti alle convenzioni. La domanda compilata in formato elettronico e sottoscritta con firma digitale va inviata attraverso la posta elettronica certificata. Saranno irricevibili le domande presentate antecedentemente al termine iniziale. La modulistica sarà pronta entro il 10 marzo 2014 con i relativi allegati. Necessario rimarcare che il mancato utilizzo degli schemi, la sottoscrizione di dichiarazioni incomplete e l'assenza, anche parziale, dei documenti e delle informazioni richieste costituiscono motivo di non ricevibilità della domanda e pertanto di inammissibilità al finanziamento e al contributo. Questo quanto scitto nella circolare diffusa dal ministero dello sviluppo economico.
Il decreto del fare ha previsto la costituzione presso la Cdp di un plafond di 2,5 miliardi che le banche e gli intermediari finanziari, aderendo alla convenzione, possono utilizzare per concedere, fino al 31 dicembre 2016, finanziamenti alle Pmi. Sono ammessi investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature nuove a uso produttivo, oltre a quelli in hardware, software e tecnologie digitali. Possibile anche il leasing, per operazioni concesse da società in possesso di una garanzia rilasciata da una banca che aderisce alla convenzione. Le Pmi che hanno ottenuto i finanziamenti ricevono (nel limite dello stanziamento annuale) un contributo a parziale copertura degli interessi, pari all'ammontare complessivo degli interessi calcolati al tasso del 2,75% su un piano convenzionale di ammortamento, con rate semestrali e della durata di 5 anni, di importo corrispondente al finanziamento. Il contributo viene calcolato secondo modalità inserite in un'appendice alla circolare e consultabili sul sito del ministero.
È prevista inoltre la possibilità di accedere alla garanzia del Fondo centrale Pmi sul finanziamento, fino all'80%, con priorità d'accesso.

martedì 4 febbraio 2014

PRESTITO AGEVOLATO PER LE SCORTE





AGEVOLAZIONI LEGGE 949

PRESTITO SCORTE



Prestito “Scorte” è un prodotto di finanziamento a tasso fisso o variabile, destinato a favorire l’approvvigionamento delle scorte di materie prime e prodotti finiti e il reintegro del capitale circolante.

Può avvalersi  degli interventi agevolativi della Legge 949/52 (contributo in conto interessi).
Il finanziamento può essere concesso velocemente e a costi competitivi, utilizzando anche gli sportelli ARTIGIANCASSA POINT, attivi presso CONFIDI COFINS o CASARTIGIANI.

La nostra associazione ti assiste per l'ottenimento delle migliori condizioni, sulla base delle esperienze maturate con le altre imprese della nostra rete associativa.

Clicca “Per saperne di più” per telefonare e avere maggiori informazioni oppure "Entra in contatto" per richiedere di essere ricontattato.
Il nostro ruolo è di essere al servizio delle imprese per ottenere i migliori vantaggi.