martedì 28 ottobre 2014

BANDO INAIL CONCEDE AGEVOLAZIONI SINO AL 65% PER IL SETTORE EDILIZIA


CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CON IL BANDO INAIL
AGEVOLAZIONI SINO AL 65% PER IL SETTORE EDILIZIA
Incentivi per le aziende del settore Edilizia sono stati stanziati dall l'Inail e riguardano  interventi per l’acquisto di macchine che consentano di ridurre i rischi connessi alla movimentazione manuale dei carichi e/o di caduta dall’alto nei cantieri temporanei e mobili.
II contributo copre fino al 65% del costo (il rimanente 35% è carico delle imprese), con un importo massimo a impresa di 50 mila euro e minimo di mille euro. Un mese di tempo per le domande: dal 3 novembre al 3 dicembre 2014.
Chi può fare la domanda
Le imprese che possono accedere al contributo hanno i seguenti codici ATECO 2007 e svolgono le seguenti attività:
  • 41.2 – Costruzione di edifici residenziali e non residenziali
  • 42.1 – Costruzione di strade e ferrovie
  • 42.2 – Costruzione di opere di pubblica utilità
  • 42.9 – Costruzione di altre opere di ingegneria civile
  • 43.1 – Demolizione e preparazione del cantiere edile
  • 43.2 – Installazione di impianti elettrici, idraulici ed altri lavori di costruzione e installazione
  • 43.3 – Completamento e finitura di edifici
  • 43.9 – Altri lavori specializzati di costruzione
Quali sono gli incentivi
L’Inail concede un contributo, in conto capitale, pari al 65% dei costi sostenuti e documentati al netto di IVA, fino ad un importo massimo di € 50.000 per impresa.
Il contributo minimo ammissibile è pari a € 1.000.
Chi valuta le domande
Il contributo è concesso tramite procedura valutativa a graduatoria e rispettando le condizioni e le limitazioni della normativa comunitaria relativa agli aiuti “de minimis”.
I tempi e le scadenze per la presentazione delle domande
La domanda potrà essere presentata a partire da lunedì 3 novembre 2014 e fino alle ore 18,00 di mercoledì 3 dicembre 2014 in via informatica e con firma digitale.
Per maggiori informazioni
Associazione libera Impresa: 079262558, email: ali@liberaimpresa

BANDO INAIL PER IL SETTORE DEI LAPIDEI, CONTRIBUTI SINO AL 65% DEI COSTI DELL'INVESTIMENTO


CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CON IL BANDO INAIL
AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE DEI LAPIDEI
Incentivi per le piccole aziende del settore lapidei, sono stati stanziati dall l'Inail, per tutti gli interventi che comportano un miglioramento delle condizioni di lavoro nelle attività di estrazione e lavorazione dei materiali lapidei, con particolare riferimento ai rischi connessi all’esposizione a rumore e/o a polveri e alla movimentazione manuale dei carichi. La domanda può essere presentata per più interventi fino ad un massimo di tre.
II contributo copre fino al 65% del costo (il rimanente 35% è carico delle imprese), con un importo massimo a impresa di 50 mila euro e minimo di mille euro. Un mese di tempo per le domande: dal 3 novembre al 3 dicembre 2014.

Chi può fare la domanda

Le imprese che possono accedere al contributo hanno i seguenti codici ATECO 2007 e svolgono le seguenti attività:
  • 05 – Estrazione di carbone (escluso torba)
  • 07 – Estrazione di minerali metalliferi
  • 08 – Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere
  • 23.7 – Taglio, modellatura e finitura pietre

Quali sono gli incentivi

L’Inail concede un contributo, in conto capitale, pari al 65% dei costi sostenuti e documentati al netto di IVA, fino ad un importo massimo di € 50.000 per impresa.
Il contributo minimo ammissibile è pari a € 1.000.

Chi valuta le domande

Il contributo è concesso tramite procedura valutativa a graduatoria e rispettando le condizioni e le limitazioni della normativa comunitaria relativa agli aiuti “de minimis”.

I tempi e le scadenze per la presentazione delle domande

La domanda potrà essere presentata a partire da lunedì 3 novembre 2014 e fino alle ore 18,00 di mercoledì 3 dicembre 2014 in via informatica e con firma digitale.

Per maggiori informazioni

Associazione libera Impresa: 079262558, email: ali@liberaimpresa

mercoledì 22 ottobre 2014

APPRENDISTI ASSUNTI NEL 2012, CI SONO I CONTRIBUTI REGIONALI


APPRENDISTI ASSUNTI NEL 2012
CI SONO I CONTRIBUTI REGIONALI
Servizio associativo per richiedere gli incentivi
Operativo il bando regionale per le le imprese artigiane con sede in Sardegna e iscritte all’albo, che nel 2012 hanno assunto apprendisti. Lo ha comunicato l’Assessorato del Turismo, artigianato e commercio.
Le domande potranno essere presentata a partire da lunedì 27 ottobre e fino al 5 dicembre 2014 e sarà possibile richiedere un contributo pari a 3615,20 euro per il primo anno di attività, 2582,28 euro per il secondo, 2065,83 euro per il terzo e 1549,37 euro per i successivi. Qualora l'assunzione riguardi un disabile, l'importo del contributo è incrementato del 30%. Nel caso il contratto di apprendistato si trasformi in contratto a tempo indeterminato, il contributo è concesso per ulteriori due anni nella stessa misura dell'anno che precede l'assunzione a tempo indeterminato.

mercoledì 15 ottobre 2014

PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI: SI POSSONO ATTIVARE I VOUCHER PER IL TIROCINIO


PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI IN SARDEGNA
PUBBLICAZIONE DELL’AVVISO PUBBLICO TIROCINI

GaranziaGioavni2014SIOL


LIBERA IMPRESA informa che il 9 ottobre 2014 è stato pubblicato dall’Agenzia regionale del lavoro nel portale Sardegna Tirocini l’Avviso Pubblico per l’attivazione dei tirocini con voucher all’interno del Programma Garanzia Giovani Sardegna.
I tirocini promossi dall’Agenzia regionale per il lavoro hanno le seguenti caratteristiche:
- il numero dei voucher disponibili, da utilizzare con il tirocinio, è di 2.000 ripartiti tra le provincie con un voucher mensile di € 470,00 per 6 mesi. Il voucher sarà erogato direttamente ai tirocinanti;
- i tirocinanti devono essere disoccupati o inoccupati, di età compresa tra i 18 e 29 anni,  aver aderito al Programma Garanzia Giovani Sardegna e aver completato la procedura di presa in carico presso il CSL di riferimento;
- i soggetti che possono ospitare i tirocini sono solo soggetti privati con almeno un dipendente a tempo indeterminato;
- il tirocinio ha una durata di 6 mesi per un orario di 32 ore settimanali;
- a partire dal 01/11/2014 sul portale www.sardegnatirocini.it sarà disponibile una Vetrina Domanda e Offerta nella quale ogni soggetto ospitante può pubblicare gli annunci e i tirocinanti possono candidarsi oppure soggetto ospitante e tirocinante potranno presentare la propria candidatura per un determinato profilo professionale presso il CSL di riferimento.

AVVISO DELLA REGIONE SARDEGNA - INCENTIVI PER ASSUMERE APPRENDISTI PER LA QUALIFICA PROFESSIONALE


AVVISO DELLA REGIONE SARDEGNA, DISPONIBILI INCENTIVI
SI POSSONO ASSUMERE APPRENDISTI PER LA QUALIFICA PROFESSIONALE
Aperto il bando per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato, finalizzato a conseguire la qualifica professionale.
Le azioni incentivanti finalizzate alle assunzioni degli apprendisti si rivolgono ai seguenti destinatari:
a) giovani minorenni che non hanno assolto al diritto-dovere all’istruzione e alla formazione e in condizioni di dispersione scolastica;
b) giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni, che abbiano conseguito il titolo di scuola media secondaria di primo grado e che siano privi di qualifica professionale.
I giovani destinatari devono possedere i seguenti requisiti (concorrenti):
- essere residenti o domiciliati nella Regione Sardegna al momento della presentazione della domanda di contributo da parte dell’”Impresa” con cui hanno stipulato il contratto di apprendistato;
- essere cittadini italiani o di Paesi membri dell’Unione Europea, ovvero di provenienza extracomunitaria, a condizione, in questo ultimo caso, di risultare in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione;
- non avere avuto rapporti di lavoro dipendente o assimilato con il soggetto beneficiario in data antecedente al 1° gennaio 2014.
Gli importi totali degli incentivi da erogare per ogni tipologia di titolo da conseguire nell’ambito del contratto di apprendistato qualificante, sono i seguenti:
-euro 5.000 complessivi per l’assunzione a tempo pieno di un solo apprendista uomo ed euro 7.000 per l’assunzione a tempo pieno di ogni ulteriore apprendista uomo.
-euro 5.500 complessivi per l’assunzione a tempo pieno di una sola apprendista donna ed euro 7.500 per l’assunzione a tempo pieno di ogni ulteriore apprendista donna.


mercoledì 24 settembre 2014

CIRCOLARE DEL MINISTERO: INCENTIVI PER AMMODERNARE I MEZZI


CIRCOLARE DEL MINISTERO
INCENTIVI PER AMMODERNARE I MEZZI
Le risorse a disposizione sono limitate
E’ operativa la decisione del ministero di finanziare il rinnovo del parco automezzi ecosostenibili. Le risorse sono limitate, in quanto sono solo 15 i milioni destinati all'ammodernamento del parco mezzi per l'autotrasporto in chiave maggiormente eco-compatibile e verso forme più evolute di logistica applicata al trasporto e alla movimentazione delle merci. Sono incentivate le acquisizioni di veicoli per il trasporto merci dotati di motore a trazione alternativa, nonché semirimorchi destinati al trasporto intermodale (combinato strada-mare e strada-ferrovia ). Sono previste ulteriori agevolazioni ove il veicolo risulti dotato di pneumatici di classe C3 con coefficiente di resistenza al rotolamento inferiore a 8,0 kg/g (classe di efficienza energetica da A ad E di rolling resistance), dotati di Tyre Pressure Monitoring System (TPMS), o nel caso che il richiedente del benificio dimostri di aver proceduto alla contestuale radiazione di un rimorchio o semirimorchio con più di 10 anni di età.


lunedì 22 settembre 2014

MICROCREDITO - CONDIZIONE SOGGETTIVA: ESSERE NON BANCABILE


MICROCREDITO - CONDIZIONE SOGGETTIVA
CHE SIGNIFICA ESSERE NON BANCABILE
Per accedere al bando del Microcredito è necessario essere un soggetto non bancabile, il cui significato è visibile tra le risposte date dalla Sfirs.
“Il Microcredito ha come obiettivo sostenere soggetti per condizioni soggettive e oggettive si trovino in condizione di difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito e che vogliano avviare una nuova iniziativa imprenditoriale in Sardegna o realizzare un nuovo investimento nell’ambito di iniziative esistenti ubicate all’interno di unità locali presenti nel territorio regionale. L’art.1 delle Direttive di Attuazione precisa che “soggetti con difficoltà di accesso al credito e in condizioni di svantaggio” si definiscono i “soggetti non bancabili” ovvero considerati non idonei a fruire di servizi e/o prodotti finanziari del settore finanziario tradizionale poiché non soddisfano il requisito di “bancabilità” - ossia di capacità di rimborso - derivante dall’esame della storia creditizia ed altre variabili come, ad esempio:
• l’ammontare del reddito percepito;
• la possibilità di offrire garanzie formali;
• esposizione nei confronti del sistema bancario e creditizio in genere
• qualsiasi altra informazione disponibile in merito alla capacità di restituzione del prestito